Scariolo: “Addio Toronto, grazie di tutto”. Lo aspetta la Virtus Bologna

Scariolo: “Addio Toronto, grazie di tutto”. Lo aspetta la Virtus Bologna

Sergio Scariolo saluta ufficialmente i Toronto Raptors. Con un messaggio pubblicato sui suoi profili social e rilanciato dai canadesi, il 60enne coach ha detto addio alla franchigia per cui ha lavorato negli ultimi 3 anni. È il preludio al suo ritorno in Italia: lo aspetta la Virtus Bologna, neocampione d’Italia che ha scelto lui per sostituire Sasha Djordjevic, il tecnico dello scudetto.

IL MESSAGGIO

—   “Non ci sono parole per esprimere la mia gratitudine a Larry Tanenbaum e la sua famiglia, a Masai Ujiri, a Bobby Webster e Nick Nurse per questi tre anni fantastici passati coi Raptors - scrive Scariolo -. Ho imparato così tanto da tutti voi, ho avuto la fortuna di allenare grandi giocatori e costruire rapporti che dureranno una vita. Voglio fare un ringraziamento speciale a tutti i giocatori, tecnici, a chi lavora per la squadra e nell’arena, a tutti i tifosi e alla gente di Toronto, che mi ha accolto a braccia aperte facendomi sentire a casa fin dal primo giorno. Due anni fa abbiamo vinto un grande titolo insieme. So che tutti in questa squadra lavorano duro, ogni giorno, per raggiungere di nuovo quell’obiettivo. Farò il tifo per i Raptors dall’Europa”. “Grazie mille, Sergio” hanno scritto i Raptors riprendendo il suo post.

LA CARRIERA NBA

—   Scariolo era arrivato in Nba nel 2018, firmando un triennale per entrare a far parte dello staff di Nick Nurse, che appena promosso head coach dei Raptors aveva fatto il nome di quella leggenda del basket europeo che aveva conosciuto quando allenava in Gran Bretagna. Scariolo ha accettato di rimettersi in gioco come vice e di misurarsi col basket Nba. Ha funzionato subito: l’esperienza internazionale di Scariolo, che mentre lavorava coi Raptors ha comunque mantenuto il ruolo di c.t. della Spagna, si è rivelata perfetta per completare un gruppo di lavoro innovativo e fuori dagli schemi, premiato col titolo al primo anno insieme, con Scariolo che poi aveva proseguito un 2019 straordinario aggiungendo al titolo Nba il trionfo al Mondiale con la Spagna. L’intesa è proseguita nelle due stagioni successive, con coach Sergio che prima dell’All Star Game di marzo ha allenato tre partite come head coach perché Nurse e il resto dello staff erano finiti nel protocollo Covid.

VIRTUS

—   La Virtus si era già fatta avanti con Scariolo a dicembre, durante l’esonero durato 24 ore di Djordjevic seguito all’arrivo di Marco Belinelli. Coach Sergio aveva detto no ed era convinto di rimanere in Nba, tanto che poche settimane fa aveva firmato un rinnovo per Toronto per altri tre anni. Ma quando la Virtus negli ultimi giorni si è rifatta sotto, con un progetto più concreto, è stato impossibile resistere: il richiamo della panchina da capo allenatore era troppo forte. Il divorzio ufficiale dai Raptors era il passaggio formale per l’inizio dell’avventura sotto le due Torri: ora manca solo l’ufficialità dell’intesa con le V nere, poi Scariolo potrà cominciare il prossimo capitolo della sua carriera, quella da head coach della Virtus Bologna.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Nba/17-06-2021/nba-scariolo-sergio-toronto-raptors-virtus-bologna-4102068397267.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: