Milano da urlo: piega il Barcellona con Datome ed è prima da sola

Milano da urlo: piega il Barcellona con Datome ed è prima da sola

Tutto in una notte. Magica. Milano piega il Barcellona nel finale e vola in vetta da sola. Un altro grande step verso l’eccellenza. Ettore Messina, in due stagioni e mezzo, ha trasformato l’Olimpia da club di fascia media a potenza del basket europeo. Una Final Four lo scorso maggio che mancava da 29 anni e ora un nuovo capolavoro. Nello scontro al vertice Milano offre il meglio di sè, vincendo con la forza del gruppo e delle sue individualità, issandosi dove non era mai stata in era moderna. L’Olimpia comanda l’Eurolega dopo 8 giornate al termine di una sfida epica contro una delle grandi big d’Europa. Nel successo, sudato dopo un ultimo quarto da incubo cominciato con un 14-0 Barça, brilla il gran finale di Gigi Datome e del Chacho Rodriguez, ma questo è anche il capolavoro di Hall, Shields, Mitoglou e di tutti i lunghi milanesi per come hanno saputo reggere l’urto di una delle squadre più grosse e talentuose del continente. Sesto successo interno di fila in questa stagione a “Fort Assago”.

IL MATCH

—   Olimpia senza Delaney e Moraschini. Messina parte con Hall da play e Datome in quintetto. Milano entra subito in ritmo offensivo: 4/4 nelle triple e transizione, i catalani sembrano sorpresi e vanno sotto di 9 (22-13). Le prime rotazioni di Messina tengono alta la tensione e, col quintetto pesante, l’Olimpia firma un nuovo +9 a cavallo dei primi due quarti. Il Chacho alza per Tarczewski e il Forum esplode. Jasikevicius si affida alle seconde linee: Jokubaitis, Oriola e Kuric lo tengono a galla, mentre Milano non riesce a sfruttare la netta superiorità a rimbalzo (16-5). Il cuore del secondo quarto è un impasto di nefandezze in cui tutti sbagliano. Il Barça risale fino a -3 (Oriola) sfruttando il black-out offensivo avversario (2 punti in 5’). Hall (13 punti nel primo tempo) rianima però i milanesi che spremono punti d’oro anche da Datome, Hines e Mitoglou. Il Barça va al riposo con 1/8 da tre e 5 perse. Il -8 è sin troppo magnanimo. Una tripla di Hall (+11) fa sembrare tutto facile, ma pian piano il Barcellona comincia a rimettere i piedi in area. Rodriguez e Mitoglou illudono che il doppio +12 di fine terzo quarto possa diventare una polizza sicura. Non è così. Il Barcellona si aggrappa a Davies e Hayes piazzando il 14-0 che le dà il primo vantaggio (63-61) che rimette tutto in discussione. Ma questa Olimpia ha una durezza mentale mai vista e non soffre di vertigini. Melli torna a ridare punti a Milano dopo 6 minuti di digiuno e la scrollata è balsamica. La frustata decisiva arriva invece da Gigi Datome: tripla più fallo, un “gioco da 4” che spinge il Barça a -6. Ora si tratta di gestire: l’arresto e tiro di Rodriguez (splendido) e i liberi di Shields segnano il trionfo. Comanda Milano. Vista così, questa squadra non deve porsi limiti.

MILANO: Datome 17, Hall 16, Mitoglou e Shields 11.

BARCELLONA: Davies 12, Miotic e Hayes 10.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Basket/Eurolega/04-11-2021/eurolega-milano-batte-barcellona-ed-prima-sola-4202230826225.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: