Melli-Olimpia: ci siamo. Milano rinuncia a LeDay per prendere Nik

Melli-Olimpia: ci siamo. Milano rinuncia a LeDay per prendere Nik

Il futuro di Nicolò Melli prende sempre più la direzione di Milano. Il 30enne, capitano della Nazionale nella storica impresa di Belgrado che ha riportato l’Italia alle Olimpiadi dopo 17 anni, sta da tempo meditando su un ritorno in Europa dopo due stagioni in chiaroscuro in Nba. E Milano sembra avere giocato le carte giuste per convincerlo. Tanto che ieri l’Olimpia ha lanciato un segnale importante che qualcosa di grosso sta per succedere.

VIA LEDAY

—   Milano ha infatti deciso di separarsi dopo un solo anno da Zach LeDay, una delle sorprese della stagione che la squadra di cui Ettore Messina è presidente-coach ha chiuso con la Final Four di Eurolega e la finale scudetto persa contro la Virtus Bologna. Il 27enne nato a Dallas era arrivato all’Olimpia la scorsa estate proveniente dallo Zalgiris: ha chiuso la stagione di Eurolega con 10 punti e 4.5 rimbalzi di media, mentre in Serie A ha viaggiato a 14.6 punti (miglior realizzatore Olimpia col 54% da due e il 44.6% da tre). La scelta di Messina di dargli il benservito è arrivata a sorpresa, tanto che sui social sia Malcolm Delaney che Michael Roll hanno reagito con stupore. Ma è il primo passo per l’arrivo di Melli.

DENTRO MELLI

—   Nik e l’Olimpia sono molto vicini ad un accordo: mancano ancora le firme, ma salvo colpi di scena Melli tornerà a giocare per l’Olimpia dopo 6 anni. Quando se ne andò da Milano, nel 2015, scelse prima il Bamberg e poi il Fenerbahce, con cui è diventato grande in Eurolega. Nel 2019 il grande passo in Nba e la firma di un biennale con New Orleans. Dopo un’ottima prima stagione (6.6 punti di media e un’apparizione al venerdì dell’All Star Game), però, le cose nella seconda non sono andate come Nik sperava. Stan Van Gundy, il tecnico dei Pelicans 2020-21 che nel frattempo è stato esonerato, non ha mai dato all’azzurro la stessa importanza che gli aveva dato il suo predecessore Alvin Gentry, quella cioè di lungo che meglio si accoppia con Zion Williamson. Sono cominciate ad arrivare le panchine, la situazione è diventata molto tesa e Melli alla chiusura del mercato a fine marzo ha cambiato aria, venendo ceduto assieme a JJ Redick a Dallas dopo aver “rischiato” per tutto l’ultimo giorno di mercato di finire a San Antonio. Ai Mavs Nik è arrivato in un reparto lunghi sovraffollato: ha avuto qualche chance, ma era difficile mettersi mostra inserendosi a stagione in corso in una squadra che puntava ai playoff. L’uscita al primo turno contro i Clippers ha chiuso la stagione dei Mavs (che nel frattempo hanno avviato una rivoluzione societaria) e anche la carriera Nba di Melli. La free agency comincia il 2 agosto, ma Nik per quella data avrà già trovato squadra: Milano, l’Olimpia, per fare la star e puntare a quella vetta in Europa che ha lasciato due anni fa.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Basket/Eurolega/06-07-2021/melli-olimpia-milano-armani-nba-eurolega-4102531834378.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: