Venezia stende la Fortitudo. LIVE Virtus-Olimpia e il resto della 26ª giornata

Venezia stende la Fortitudo. LIVE Virtus-Olimpia e il resto della 26ª giornata

Riflettori puntati su Virtus Bologna-Olimpia Milano, ma c’è molto di più nel menù della 26ª giornata

VIRTUS BOLOGNA-OLIMPIA MILANO 83-65 La Virtus festeggia nel pienone della Segafredo Arena, 9000 spettatori che fanno record di affluenza in una partita italiana dopo il Covid, il successo (undicesimo in fila in campionato) sulla grande rivale Milano che vale più di un’ipoteca sul primo posto nella stagione regolare col vantaggio del fattore campo su tutte le serie dei playoff scudetto. Il +18 finale vale doppio perché Bologna si prende anche lo scontro diretto (all’andata +3 per Milano all’overtime) e adesso, con 5 giornate alla fine, ha virtualmente 6 punti di vantaggio sull’Olimpia. Vittoria costruita sulla difesa contro una rivale dimezzata dalle assenze tra Covid (Rodriguez, Biligha, Shields, Kell e Daniels) e infortuni (Datome), uscita presto dalla partita dopo un primo illusorio vantaggio sul 6-12. La Virtus infatti fattura subito un 14-0 che la spinge avanti al 10’ e poi nei due quarti centrali sprigiona tutta la sua superiorità per fisicità a rimbalzo (46-30, 15 di super Jaiteh) e rotazioni mentre l’Olimpia s’impantana in attacco senza trovare interpreti di livello a parte le soluzioni da tre di Baldasso, tiratore fuori dagli schemi. Il trio tutto triple, energie e rimbalzi formato da Jaiteh, Weems e Cordinier, guidato dal solito Teodosic, autore di assist col pennello, fa la differenza con Bologna che domina toccando anche il +26 (81-55) mentre il suo pubblico l’applaude convinto. Anche i numeri spiegano il divario del derby d’Italia: Bologna perfetta ai liberi 22/22, Milano fallosa da 3 (11/38 pari al 28%). Vittoria per ko tecnico, Milano messa così è troppo inferiore. Virtus: Jaiteh 18, Weems 18, Cordinier 18 Milano: Bentil 15, Baldasso 12, Melli 10

VENEZIA-F. BOLOGNA 77-72 L’Umana continua il volo verso i playoff (quinta vittoria di fila tra campionato ed Eurocup), Kigili mai doma, che si arrende solo nel finale. Umana senza Vitali e Daye, oltre a Sanders, terza partita in panchina per Tonut. Bramos (5 punti) e Watt (4, finirà con 16 punti e 8 rimbalzi) accendono l’Umana (11-4), Martino opta per Frazier e Procida, la reazione della Fortitudo c’è con la zona che inizia a limitare la Reyer (15-13). I due innesti pilotano la Kigili alla rimonta, doppia tripla e sorpasso (17-19). La Fortitudo capovolge l’inerzia sospinta da Frazier (19-25), ma la Reyer rialza prepotentemente la testa con il tandem Theodore (18 punti)-De Nicolao (13) che ricaccia indietro la Kigili (28-25), il contro break (15-0) dell’Umana spedisce lontana la Fortitudo (34-25). Bologna reagisce con Durham, Venezia sale anche a +11 (41-30). Due palle perse da Bramos e Theodore riportano in partita la Fortitudo (43-38), ma è una fiammata perché l’Umana con Bramos e Brooks ricaccia indietro la Kigili (49-38), salendo anche a +16 (58-42). L’ex Charalampopoulos avvia il 7-0 esterno (58-49), spezzato dai liberi di Theodore, ma il finale del quarto (11-2) è di marca felsinea (60-53). Partita a strappi, mai chiusa (64-55), Bologna è dentro la sfida, Feldeine e Benzing (13) sono reattivi (68-59), ma due triple di Cerella ampliano il solco (74-63). L’ala tedesca tiene aperto il match (74-68), Theodore prova a chiuderla (76-68) a 35” dalla fine. Bologna risale a -4 (76-72), De Nicolao mette il sigillo dalla lunetta. Venezia: Theodore 18, Watt 16, De Nicolao 13 F. Bologna: Frazier 15, Benzing 13, Charalampopoulos 11

CREMONA-TORTONA ORE 20.45

Fonte: https://www.gazzetta.it/Basket/SerieA/10-04-2022/basket-risultati-serie-a-lba-virtus-bologna-olimpia-armani-milano-4302252168097.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: