Treviso si prende il derby con Venezia. Brindisi batte Sassari: show di Gaspardo

Treviso si prende il derby con Venezia. Brindisi batte Sassari: show di Gaspardo

TREVISO - VENEZIA 80-76 Il derby veneto va a Treviso, quello dei Casarin al figlio Davide. Vince con merito la squadra di coach Max Menetti, davanti per quasi tutta la partita, toccando anche il +17. Venezia non è bella, ma ha la dote di non mollare mai: quando sembra tutto perduto, si affida alle giocate di De Nicolao e Tonut, che a suon di triple riaprono il match. Nel finale Treviso trema, ma la porta a casa e si gode il temporaneo primato in solitaria. L’equilibrio dura solo nei minuti iniziali quando, nonostante un Sims dominante (subito 7 punti e 5 rimbalzi), la Reyer se la cava grazie alle invenzioni di Brooks e Tonut. La tripla di Dimsa in transizione segna il primo break trevigiano (12-7): Venezia tira troppo male per rientrare e neanche la difesa è perfetta, così la squadra di coach Menetti vola via, giocando in velocità e capitalizzando gli attacchi. Il primo quarto finisce 25-15 e ci vuole un po’ perché Venezia riesca a far emergere la profondità della propria panchina: prima si aggrappa a Sanders, poi a Watt, ma la vera differenza la fa la difesa. Otto punti concessi in dieci minuti e all’intervallo il match è completamente riaperto (33-31). L’aggancio veneziano però non riesce: inizia la ripresa e l’attacco trevigiano si risveglia, con le triple di Dimsa e i canestri di Bortolani. È un crescendo micidiale, con Russell ad esasperare i ritmi e i compagni ad approfittarne. Il vantaggio torna in doppia cifra (47-37) e Venezia suda ogni azione offensiva: Treviso tocca il +14, prima di chiudere il terzo parziale sul 57-46. De Nicolao prova a tenere in piedi i lagunari con tre triple di fila, ma anche Sokolowski aggiusta la mira e Treviso ha ancora benzina: Russell spinge ancora per il +17, ma Tonut prova a rovinare la festa con undici punti di fila, che riaprono la gara (73-68 con 2’12” da giocare). Il finale è caldissimo, anche perché Sokolowski fa 1/4 ai liberi: la tripla di Philip vale il -2 con meno di 20” sul cronometro, ma Akele e Russell la chiudono dalla lunetta. (Alberto Mariutto) TREVISO: Dimsa 15, Russell e Sims 14, Akele e Bortolani 10 VENEZIA: Tonut 20, De Nicolao 12, Philip e Watt 9

BRINDISI-SASSARI 89-80 Brindisi di coach Vitucci batte Sassari giocando con autorità ma rischiando di rovinare tutto nel finale. Grande protagonista della gara è Gaspardo autore di 29 punti in 27’ con 4/4 da 2 e 7/8 da 3. Pronti, via la Dinamo è subito in partita. La mira di Bendzius dall’arco insieme all’energia di Gentile contengono l’avvio ad alto ritmo di Brindisi, che presenta Redivo in quintetto (chiamato agli straordinari anche per l’assenza dello scavigliato Zanelli) e la coppia Josh Perkins-Gaspardo ispiratissima da tre punti. Al 7’ Brindisi cambia marcia e con una gragnuola di triple (8/9 nel primo quarto) allunga sensibilmente sino al +12 (30-18), con Gaspardo capace di confezionare un sontuoso 4/4. Sotto canestro è il duello tra Nick Perkins e Mekowulu a tenere banco, con il nigeriano impegnato a dimostrare di aver preso le misure al suo avversario dopo la lezione in Supercoppa. La Dinamo, comunque, fa fatica a trovare la via del canestro: Logan buttato nella mischia è appannato e non riesce a fornire il cambio di marcia. Battle si arrangia come può per tenere i suoi in scia (15’, 41-31). Cavina prova a mischiare le carte con la zona, ma i padroni di casa riescono a tenere alta la qualità con gli uomini della panchina. Chappel a 2’ dall’intervallo lungo firma il nuovo massimo vantaggio (50-36) consolidando un prezioso 70% dall’arco contro lo scarso 25% degli avversari. Al rientro in campo la mira della Happy Casa diventa sbilenca così come la lucidità nelle scelte di gioco. Il Banco ne approfitta per rifarsi sotto (24’, 54-48) con Gentile a condurre la rimonta. Servono solo due minuti per rimettere a posto gli ingranaggi e poer ripartire a macinare punti e gioco 28’, (65-53) con Gaspardo a quota 21 punti in 22’. La partita sembra in pieno controllo, ma il Banco torna vivo e spaventa Brindisi (76-72) con una tripla di Clemmons, il migliore degli ospiti. Ci pensa, però, l’immenso Gaspardo con 5 punti in fila a chiudere definitivamente la pratica lanciando Brindisi per un finale di partita entusiasmante. (Giuseppe Mazzone) BRINDISI: Gaspardo 29, Adrian 17, J. Perkins 16 SASSARI: Clemmons 15, Mekowulu 13, Battle 12, Bendzius 11, Burnell 10

Fonte: https://www.gazzetta.it/Basket/SerieA/02-10-2021/basket-anticipi-serie-a-treviso-venezia-80-76-brindisi-sassari-89-80-4201596171327.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: