Supercoppa, Trieste vola coi lunghi. Sassari, buona la prima

Supercoppa, Trieste vola coi lunghi. Sassari, buona la prima

TRENTO-TRIESTE 83-94 Il derby del Nord-Est premia Trieste che fa il colpo a Trento vincendo nettamente la sfida tra due potenziali pretendenti ai playoff. La squadra ospite si fa trovare più pronta e con stranieri meglio inseriti nella prima uscita ufficiale della stagione. Trento invece paga i tanti passaggi a vuoto, soprattutto in difesa, e l’imprecisione nel tiro da tre (27% contro il 53% triestino) oltre alla pericolosa tendenza di alcuni suoi stranieri di giocare troppo per lo spettacolo. Trieste invece è più concreta e solida con i suoi lunghi produttivi. In testa il maliano Konate, autore di una doppia cifra in punti e rimbalzi (20+10), che si completa bene con Lever, l’ala uscita dal college di Grand Canyon. Già nel primo quarto l’Allianz scatta avanti sul 10-23 grazie ai trepunti di Banks. Trento resta sempre a ruota. Alla pausa è 40-49, Trieste mette sempre il pallone nelle mani dei giocatori giusti. Nel terzo quarto c’è il rientro della Dolomiti che arriva a -1 (59-60) grazie alle folate di Reynolds. Ma Trieste ci mette un attimo a riprendere il largo fino a toccare il +20 (66-86) scolpito dai canestri di Konate che si prende il titolo di Mvp del match. TRENTO:Reynolds 23, Saunders 13, Mezzanotte 11 TRIESTE: Konate 20, Lever 17, Banks 11

Sassari trema con Cremona ma porta a casa la prima vittoria nel girone B. Poeta e soci, nonostante le defezioni, rimangono in scia alla Dinamo fino agli ultimi minuti, quando le energie ospiti finiscono e i padroni di casa controllano il ritmo chiudendo la gara. Prima parte di partita in equilibrio, con Cremona brava a trovare le energie per rimanere a contatto nonostante le assenze di Harris, Miller e McNeace. Sono proprio gli ospiti a partire meglio grazie al lavoro difensivo impostato da Galbiati nel pitturato. Cavina cerca di alzare il ritmo e il risultato e un cambio d’inerzia importante, figlio dell’eterno Logan e della capacità di Sassari di colpire dalla distanza in transizione, fattore che vale anche il vantaggio in doppia cifra. Le rotazioni ridotte all’osso della Vanoli fanno pensare ad una gara in via di chiusura con largo anticipo, ma Poeta e Tinkle non sono dello stesso avviso e gli ospiti, ripartendo dal lavoro difensivo ricuciono lo strappo sino al -1, prima che ancora una volta Logan fissi il punteggio al 20’ sul 36-32. La pausa lunga non cambia il copione, Sassari sembra superiore quando preme sull’acceleratore con Cremona costretta ad inseguire, ma la Vanoli trova sempre il modo di tenere la gara aperta. I raddoppi su Clemmons funzionano e Poeta, riesce persino a firmare il vantaggio finalizzando il lavoro difensivo dei tanti giovani proposti da Galbiati, prima che Bendzius sulla sirena del terzo quarto, riporti i padroni di casa avanti. La gara si decide solo nel finale, Battle e Mekowulu danno una spallata importante, Poeta come al solito ci mette del suo per tenere la gara aperta, ma le energie ospiti finiscono e Sassari deve solo controllare il ritmo e la precisione dalla lunetta per conquistare la prima gara ufficiale della stagione.

SASSARI: Logan 21, Mekowulu 15, Battle, Bendzius 12

CREMONA: Poeta, Tinkle, 17, Sanogo 11

Fonte: https://www.gazzetta.it/basket-italiano/04-09-2021/basket-supercoppa-trieste-ok-trento-senza-tiro-420986874342.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: