Rodriguez contro Teodosic: Milano-Bologna vale la testa

Rodriguez contro Teodosic: Milano-Bologna vale la testa

Da tre anni quando si parla della sfida Olimpia-Virtus (o viceversa) il tema finisce o comincia col duello Rodriguez-Teodosic (o viceversa), ovvero i due grandi cervelli delle due grandi rivali. Il Chacho e Re Milos hanno in comune non solo il fatto di essere fuoriclasse ma anche di essere approdati in Italia la stessa estate 2019 e di avere rilanciato in Europa (lo spagnolo di Milano) e in Italia (il serbo di Bologna) i club più blasonati del nostro basket. Peraltro la loro missione non è ancora finita. Rodríguez punta ancora alle Final Four di Eurolega per regalarsi, a 35 anni, un ultimo trionfo; Teodosic , dopo la conquista dello scudetto, deve completare l’opera riportando, anch’egli ormai stagionato a quota 34 anni, la Virtus nel torneo più importante passando dalla stretta porta dell’Eurocup. Oggi chi vince sarà primo in classifica e i due play magici avranno più spazio per affrontarsi rispetto alle partite in cui sono stati centellinati e risparmiati dalle profonde rotazioni della loro squadre fino a quando gli infortuni e il Covid hanno accorciato gli organici. Entrambi, nei programmi dei loro allenatori, entrano in gioco nei momenti caldi e strategici per cambiare il volto delle partite oppure nelle grandi sfide quando nessuno può essere risparmiato.

Messina e Scariolo li trattano (meglio: vorrebbero trattarli), come preziosi Swarovski, cristalli di luce finissima e abbagliante quando sprigionano tutta la loro classe. Rodriguez insieme ad Hines è tra i giocatori destinati alla tribuna nel turn over del campionato quando Milano può concederselo per primarie esigenze di Eurolega, ma l’infortunio a Delaney ha cambiato qualcosa nei piani col Chacho tornato operoso come al solito. Lo stesso vale per Teodosic che insieme a Belinelli avrebbe dovuto godere di un trattamento conservativo per le sfide decisive che verranno a primavera, ma i problemi di Mannion e i continui infortuni che hanno falcidiato la squadra da settembre lo hanno spesso richiamato in azione prima del previsto tanto che il suo impiego, sui 24’ a gara, è uguale a quello della gestione Djordjevic.

Dalla loro hanno il vantaggio che oggi, dopo avere in passato preso per mano o sulle spalle le rispettive squadre, possono non spremersi in attacco per segnare punti o inventare gioco anche se l’arte dell’assist, comune a entrambi, alla fine viene sempre fuori quasi naturale. Guardando alle motivazioni, la sfida del Forum è una potenziale occasione di rivincita per il Chacho che nei playoff 2021 ha visto il rivale dominare il campo, vincere lo scudetto con un clamoroso 4-0 e alzare il trofeo di Mvp delle Finali mentre lo spagnolo crollava insieme a tutta Milano. Re Milos invece non deve chiedere molto al duello. Dopo avere lasciato le chiavi del gioco a super Pajola, ora può aspettare che la partita venga dalle sue parti per afferrarla quando è il momento giusto.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Basket/SerieA/05-01-2022/basket-rodriguez-contro-teodosic-milano-bologna-vale-testa-430763383663.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: