Reggio Emilia spaventa Milano, ma vince l'Olimpia. Pesaro passa a Trento

Reggio Emilia spaventa Milano, ma vince l'Olimpia. Pesaro passa a Trento

L’Olimpia Milano supera Reggio Emilia e porta a casa la terza vittoria consecutiva in campionato nonostante le assenze di Melli, Delaney e Rodriguez. Nell’altro anticipo della 28ª giornata, importante vittoria in volata di Pesaro in casa di Treno per 83-82.

REGGIO EMILIA-MILANO 63-67

—   La squadra di coach Messina conduce per tutto il match grazie alle prove di Daniels (4/5 da 3) e Ricci (5 punti e 10 rimbalzi) e ritrova Gigi Datome. L’ala italiana (5 punti con 2/6 al tiro in 14’) ha rivisto il campo e il quintetto dopo il lungo stop, scaldando i motori in vista di martedì, quando l’Armani Exchange sarà a Istanbul per giocare gara tre dei quarti di finale di Eurolega contro l’Efes. Una trasferta sul Bosforo che attende anche gli emiliani che invece mercoledì, sempre alla Ulker Sports Arena, contenderanno ai padroni di casa del Bahcesehir la vittoria finale della Fiba Europe Cup, partendo dal -3 dell’andata. L’impressione è che questo appuntamento abbia un po’ condizionato l’approccio iniziale dei ragazzi di Caja, reduci da un lungo tour de force tra campionato e Coppa (48esima partita stagionale) e alle prese da troppo tempo con assenze pesanti come quelle di Candi, Diouf e del cecchino lituano Olisevicius. Ha vinto il più forte, nonostante la Unahotels abbia comunque provato a lottare, arrivando fino ad un passo dall’agganciare Milano, con la tripla del pareggio di Strautins che è uscita di un soffio a 7 secondi dalla fine.

REGGIO EMILIA Hopkins 16, Strautins 15, Larson 9 MILANO Daniels 14, Bentil 9, Grant 7

TRENTO-PESARO 82-83

—   Pesaro mette subito in chiaro che a fare da sparring partner nell’Aquila Basket Earth Day non ha la minima intenzione: i biancorossi segnano i primi otto punti della partita, costringono Molin a un timeout rapido e soprattutto tengono l’Aquila senza punti a referto per metà del primo quarto. I padroni di casa si sbloccano con Williams e una tripla di Reynolds, ma scivolano di nuovo sopra la doppia cifra di svantaggio con la VL ad affidarsi ai muscoli di Jones intorno al ferro (12-19 dopo 10’ di gioco). Nel secondo quarto sono i tiratori della Carpegna Prosciutto a mettere in scena uno show balistico alla BLM Group Arena: gli ospiti arrivano a metà partita con 7/9 dall’arco, a limitare i loro tentativi di fuga riesce solo uno scatenato Diego Flaccadori che segna sette punti consecutivi e firma il 35-44 con cui si va all’intervallo lungo. Nel terzo quarto dopo un avvio pimpante di Pesaro, la Dolomiti Energia comincia ad ingranare e a mettersi in partita: merito di una difesa salita di intensità ed efficienza e di un attacco che trova come protagonisti Reynolds (50-53 e timeout Banchi) e poi soprattutto Johnson. Il numero 0 segna 10 punti quasi consecutivi che lanciano i padroni di casa al sorpasso proprio mentre si arriva ai 10’ conclusivi (61-59). Quattro triple devastanti, una dietro l’altra, rilanciano l’andatura degli ospiti: capitan Forray però è indemoniato, e Flaccadori non sbaglia un colpo. Due triple di Reynolds rimettono in scia i biancoblù (76-77), la conclusione dall’arco di Johnson dà l’81-77 per l’Aquila a una trentina di secondi dalla fine. Sanford segna una tripla, Bradford fa 1/2 in lunetta, e Lamb firma il capolavoro dall’angolo che vale due punti pesantissimi per la VL.

TRENTO Reynolds 19, Flaccadori 16, Johnson 15 PESARO Moretti 17, Lamb 16, Sanford 13

Fonte: https://www.gazzetta.it/Basket/SerieA/23-04-2022/basket-serie-a-milano-batte-reggio-emilia-trento-pesaro-440181552107.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: