Pecchia lancia Cremona con Sassari. LIVE In campo Milano e Virtus Bologna

Pecchia lancia Cremona con Sassari. LIVE In campo Milano e Virtus Bologna

Dopo la vittoria di Venezia a Trento nell’anticipo di sabato, oggi si completa il programma della 15ª giornata. Un programma comunque ridotto per il Covid: non si giocano Brescia-Pesaro, Treviso-Trieste e Brindisi-Napoli

MILANO-TORTONA 72-60 Successo in rimonta per l’AX Milano che soffre per tutto il primo tempo, poi regola una coraggiosa Tortona. Dopo una pessima partenza l’AX riprende a tessere la consueta tela difensiva, un Bentil straripante (18 con 13 rimbalzi), Hall e Grant spingono l’attacco milanese, importante il finale tutta sostanza di Melli e Rodriguez, non bastano alla Bertram l’ottimo impatto del tandem Wright-Macura. Tortona era partita splendidamente, difendendo duro e innescando Cain in attacco: tripla e morbido appoggio per l’ex Varese, 0-5. Coach Messina ferma la gara con un timeout ma non arresta la fuga bianconera, tripla in transizione di Macura 0-8. Arriva sino alla doppia cifra il vantaggio della Bertra, con Doum che è un fattore su entrambi i lati del campo, 0-12. Un’interferenza di Sanders sblocca il lungo digiuno di Milano che spara a salve, volano gli uomini di coach Ramondino con uno squillo di Filloy, 2-16. AX scarica e non poca reattività difensiva, il primo vero canestro dell’Olimpia è sul sempiterno asse Rodriguez-Hines, 4-19 per il Derthona al 10’. Prova ad alzare l’intensità difensiva l’AX ma sono sempre le pessime percentuali in attacco a limitare i margini di rimonta biancorossi, 6-21 dopo un numero di Macura. Una schiacciata di Melli scalda il Forum ed innesca il recupero milanese, Bentil riporta sotto la doppia cifra lo svantaggio di Milano, 14-23. Tortona non molla e si affida alle improvvisazioni di Wright, il buon lavoro a rimbalzo di Cain e Doum mantiene avanti gli ospiti, 16-28. Arriva dopo 17 minuti la prima tripla dell’Olimpia, il botto di Grant, la forza bruta di Bentil e un lampo di Hall valgono un clamoroso meno 1, 27-28. Alviti sbaglia la bomba del sorpasso, appuntamento solo rimandato con Hall che mette il buzzer beater sulla sirena dell’intervallo, 32-31. Dopo la pausa lunga riparte meglio il Derthona grazie a Macura e Wright, il solito Bentil si fa largo in area colorata riaccendendo l’attacco milanese, 34-35. Leoni ancora da battaglia nella parte centrale del terzo periodo, Doum e Macura tengono avanti gli ospiti, 36-40. Si batte Melli con efficacia, del reggiano e Bentil il marchio del sorpasso biancorosso, 45-44. Prima mini fuga dell’Olimpia propiziata dalla tripla frontale di Rodriguez, di puro orgoglio la Bertram è sempre incollata agli avversari, 51-47 alla penultima sirena. Nuova spallata degli uomini di Messina in apertura di ultimo quarto, di vede anche il neo acquisto Kell, 55-47. Ha ancora energie e cuore per opporsi Tortona, bomba di Filloy, Bentil dall’angolo tiene lontana la minaccia, 60-52 al 35’. Brani di zona per la squadra piemontese che cerca di rientrare in partita, Grant la punisce per il botto che da il break decisivo ai padroni di casa, 65-55. Finale senza patemi per l’AX che amministra il vantaggio, chiude Rodriguez, 69-57. Milano: Bentil 18, Hall 14, Grant 13 Tortona: Wright 18, Macura 16, Daum e Cain 8

REGGIO EMILIA-VIRTUS BOLOGNA 81-90 La Virtus Bologna supera Reggio Emilia e si prende il derby numero 54 con un’ottima secondo tempo in cui Pajola (13 punti) e Alibegovic (19 e 7 rimbalzi) indicano ai compagni la strada per il successo anche se le brutte notizie arrivano dall’infermeria, con Teodosic che deve lasciare il campo a 43” dalla fine per un infortunio al ginocchio sinistro. Alla Unahotels non sono bastati Hopkins (22 punti e 11 rimbalzi) e Olisevicius (25 punti) dopo una prima parte di gara giocata alla pari. Coach Caja sceglie il quintetto con Cinciarini, Candi, Olisevicius, Johnson e Hopkins mentre Scariolo, senza Weems (positivo) ma con Tessitori e Cordinier al rientro, risponde con Pajola, Teodosic, Alexander, Alibegovic e Sampson. L’inizio di Reggio Emilia è travolgente e dopo 6 minuti coach Scariolo è costretto a chiamare time-out per fermare l’ondata dei padroni di casa, ispirata da Olisevicius e Hopkins (21-8). La reazione della Virtus è affidata all’energia di Jaiteh e Alibegovic che riescono a dare la scossa, ma la Unahotels va comunque all’intervallo in vantaggio (49-42). La ripresa inizia con 11 punti di Pajola che rimette in equilibrio il match (56-56 al 25’) e poi arma la mano di Belinelli per il sorpasso (65-69 al 30’). Con una tripla del suo capitano, la Segafredo raggiunge il massimo vantaggio (67-76 al 38’) ma un Olisevicius monumentale tiene a galla i suoi (81-86 a 1 e 48” dalla fine) prima di arrendersi alla classe di Teodosic che, con un paio di assist da antologia, ispira il break decisivo anche se proprio l’asso serbo finisce a terra per un problema al ginocchio sinistro ed è costretto a lasciare il campo sorretto dai compagni di squadra. Reggio Emilia: Olisevicius 25, Hopkins 22, Cinciarini 7. V. Bologna: Alibegovic 19, Jaiteh 14, Pajola 13.

CREMONA-SASSARI 89-80 Pecchia Power. Una partita monstre, quella dell’ala di Cremona: 28 punti, 9 rimbalzi, 5 assist, 10-12 al tiro ma soprattutto 48 di valutazione. Così Cremona schianta Sassari e interrompe la serie negativa che durava da 6 partite. Il Banco di Sardegna, ferma a 10 punti in classifica, ora deve guardarsi le spalle, con la Vanoli che sale a 8 staccando momentaneamente i bassifondi. Partenza contratta: 8 palle perse combinate nel 1° quarto. E’ la ruggine dello stop forzato dall’emergenza Covid. Un jolly dall’arco di Bendzius e 3 liberi di Gentile permette ai sardi di chiudere avanti 15-20 la prima frazione. Cournooh perde Logan in un paio di occasioni e il Professore non perdona: 2 triple di fila e massimo vantaggio Sassari a metà del 2° quarto grazie anche a Treier (32-21). La Vanoli mostra carattere: 8-0 di parziale con l’Mvp Pecchia protagonista e partita riaperta: si va a riposo sul 35-36 per gli ospiti. Il sorpasso si completa nella ripresa: 4 punti di Spagnolo (43-38), Dime cancella l’attacco sardo (4 stoppate), time out per coach Bucchi ma serve a poco. Il Banco non segna dal campo nei primi 5’ del 3° quarto e Cremona decolla per il +10. La Dinamo cerca di restare in piedi affidandosi a Devecchi, che segna da 3, subito seguito da Poeta, i due fanno 74 anni insieme. L’unico in doppia cifra per la Dinamo dopo 30’ però è Logan, e così Cremona si affaccia agli ultimi 10’ avanti 61-54, esaltandosi per altri 4 di fila di Spagnolo, compreso un “Dream Shake” degno di Hakeem Olajuwon. Bucchi spreme Devecchi per una difesa che non gira, si affida alle triple di Gentile e Bendzius ma perde Logan per 5 falli a 2’16 dalla sirena. Il colpo di grazia è di Pecchia, chi sennò: lui, dall’angolo segna l’83-73 che chiude la partita. Cremona: Pecchia 28, Harris 13, Spagnolo 12. Sassari: Gentile 15, Treier 14, Bendzius e Robinson 13.

FORTITUDO BOLOGNA-VARESE ORE 20.45

Fonte: https://www.gazzetta.it/Basket/SerieA/09-01-2022/basket-lba-serie-a-risultati-15-giornata-milano-virtus-bologna-430835896366.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: