Il fratello di Bianchi: “Mi ero svegliato con la notizia che era morto, poi...“

Il fratello di Bianchi: “Mi ero svegliato con la notizia che era morto, poi...“

L’appello del fratello Mattia attraverso Facebook, quello della sua squadra, i Legnano Knights, alla trasmissione “Chi l’ha visto?”. Le continue ricerche di carabinieri, vigili del fuoco e pure i boy-scout. Un polverone che ha spinto Sebastiano Bianchi a tornare a casa. Scomparso da tre giorni, ha bussato alla porta dei genitori mercoledì notte spiegando di “aver avuto bisogno di prendersi una pausa”. Dove? A casa di un’amica che, vista la mobilitazione totale, ha detto a Seba: “Cosa facciamo?”.

Da lì l’idea di rifarsi vivo, un po’ confuso per il trambusto anche mediatico, ma tutto sommato in buone condizioni. “È scosso, ma sta bene” fa filtrare la famiglia. Poi, su Facebook, il fratello Mattia racconta gli ultimi giorni e il passaggio dalla disperazione alla gioia: “ Martedì 9 novembre mi sono svegliato con la notizia della morte di mio fratello. Il corpo ritrovato nel lago e una ricostruzione dell’accaduto che non lasciava spazio ad interpretazioni. Vado in aeroporto e, cercando di farmene una ragione, piangevo mentre pensavo che non avrei mai visto mio figlio giocare a basket con suo zio.

Da lì in poi è iniziato un susseguirsi infernale di smentite, congetture, ricerche forsennate e qualche speranza che, onestamente, ho per lo più rifiutato per non dover affrontare di nuovo quel dolore iniziale. Poi, questa notte, il miracolo: SEBA È VIVO! Ovviamente la gioia è immensa e offusca qualsiasi altro sentimento o preoccupazione per il futuro. Adesso inizia una strada tutta in salita ma sappiamo che SEBA È VIVO e che ha e avrà tantissime persone attorno a lui che lo amano e tifano affinché possa, in qualche modo, andare avanti.

Ringrazio a nome mio e di tutta la mia famiglia i vigili del fuoco, la polizia, i sommozzatori, le unità cinofile e, in particolar modo, il corpo dei carabinieri per gli enormi sforzi profusi al fine di ritrovare mio fratello Sebastiano. Infine non posso che rivolgere un pensiero anche ai suoi splendidi compagni di squadra e a tutta la società dei Legnano Basket Knights: il loro appello di ieri sera in televisione ha certamente giocato un ruolo decisivo. Grazie di cuore, non ce ne dimenticheremo mai!

Fonte: https://www.gazzetta.it/basket-italiano/11-11-2021/bianchi-tornato-casa-volevo-prendermi-pausa-4202335930967.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: