Il basket piange Silvestrin, campione e trascinatore della Reyer

Il basket piange Silvestrin, campione e trascinatore della Reyer

“Sì sì Silvestrin!”. Lo hanno cantato tanto i suoi tifosi e il coro viene ripreso adesso sui social dove chi lo ha amato non smette di ricordarlo. È morto ieri a Treviso all’età di 60 anni Luca Silvestrin, ex centro-ala nato e cresciuto nella Reyer Venezia, dove iniziò e concluse la propria carriera conquistando a metà Anni 90 la promozione in serie A1, pochi giorni prima del fallimento della società. Le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate per un tumore che in poco tempo lo ha battuto.

VENEZIA E L’IMPRESA

—   Nato a Venezia, esordì nel massimo campionato italiano a 16 anni nel 1977 con la Canon Venezia sotto la guida di Tonino Zorzi, dove giocò fino alla stagione 1982-83. Poi il passaggio alla Scavolini Pesaro, quindi le casacche di Libertas Forlì, Fermi Perugia, Pallalcesto Udine, Allibert Livorno, Kleneex Pistoia, Auxilium Torino, per poi chiudere nella sua Venezia fino alla stagione 1999-2000, dove fu tra i protagonista dell’impresa del passaggio e dalla serie A2 alla serie A1 con coach Francesco Vitucci, che ora lo ricorda così sui social: “Non c’erano abbastanza stelle in cielo? Dovevi aggiungerti a loro, amico mio”. Appena tre giorni dopo però la Reyer, con la città ancora in festa, fallì, retrocedendo. Silvestrin ha giocato 18 campionati in serie A collezionando 578 presenze. Conclusa la carriera con il basket giocato, Silvestrin a continuato a girare nell’orbita della Reyer per dare una mano e per formare i più giovani. Appena quattro anni fa, nel 2017, vinse l’oro ai mondiali over 55 con la nazionale.

Fonte: https://www.gazzetta.it/basket-italiano/22-08-2021/basket-addio-silvestrin-campione-trascinatore-reyer-420633819157.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: