Hackett, la Virtus e la Russia: “Là c'è una dittatura, ma la gente non vuole la guerra“

Hackett, la Virtus e la Russia: “Là c'è una dittatura, ma la gente non vuole la guerra“

Il fisico è quello di sempre, di un atleta in piena forma: asciutto e muscoloso il giusto. I tatuaggi sono aumentati (“Ma l’ultimo, qui sulla schiena, non è finito: il tatuatore era russo…”), come è ovvio che sia per un campione che sappia essere anche personaggio.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Basket/SerieA/09-04-2022/sportweek-hackett-virtus-addio-russia-play-si-racconta-4302193234976.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: