Gigantesco Harrison: 35 punti, Brindisi passa sull’Oostende

Gigantesco Harrison: 35 punti, Brindisi passa sull’Oostende

Brindisi disbriga la pratica Ostenda giocando una partita in pieno controllo e grazie ad un Harrison superlativo (35 punti, season high in assoluto). Una vittoria che permette alla Happy Casa di portare sul 2-0 lo scontro diretto con i belgi e tenere il passo il Burgos vincente in Turchia contro il Darûssafaka. La formazione brindisina ha tanta voglia di cancellare dalla mente la sconfitta casalinga in campionato contro Pesaro e per questo motivo parte smaniosa di fare bene. Harrison è però l’unico a dimostrare continuità di rendimento: realizza 13 punti in 6’ (17-12) prendendo sulle sue spalle l’attacco della formazione di casa. L’Ostenda attesta di essere una formazione temibile e da prendere con le pinze: riesce a restare nella scia dei padroni di casa (10’, 24-20), ma non a contenere Harrison che nel primo quarto ne scrive 16 a referto. Troisfontaines, entrato in corsa, fornisce il cambio di passo per i belgi, bravi nel punire costantemente le amnesie difensive della Happy Casa. La parità a quota 39 raggiunta al 17’ è la risultante del grande lavoro in transizione costruito con pazienza dagli ospiti. Nel secondo tempo Brindisi si fa trovare più pronta in difesa (23’, 52-44) anche se deve fare a meno di Willis gravato di 4 falli con una vita ancora da giocare. Harrison continua martellare chirurgicamente il canestro avversario (6/12 nelle triple), ma lascia spazio a Zanelli e Thompson per confezionare parziale di 10-0 che vale il +16 (32’, 76-60) e la strada spianata per la seconda vittoria consecutiva in Champions.

BRINDISI: Harrison 35, Perkins 14, Thompson 12, Zanelli 10.

OOSTENDE: Troisfontaines 23. Schwartz 12.

Fonte: https://www.gazzetta.it/basket-italiano/22-12-2020/champions-brindisi-oostende-93-81-harrison-35-3901898227676.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: