Champions: vola Treviso, per Brindisi solo sconfitte. Colpo Reggiana in casa del Hapoel Galil

Champions: vola Treviso, per Brindisi solo sconfitte. Colpo Reggiana in casa del Hapoel Galil

Treviso continua a volare in Champions. Terzo successo in tre gare nel girone D per la Nutribullet, che al PalaVerde regola anche il Falco Szombathely per 68-60. Terza sconfitta su tre, invece, per la Happy Casa Brindisi, rimasta a mani vuote nella trasferta turca di Istanbul: a imporsi è il Darussafaka per 82-76. Adesso il ritorno del 16 novembre, al PalaPentassuglia contro lo stesso Darussafaka, diventa decisivo per il cammino in Europa. Trasferta dolce, invece, per Reggio Emilia, vittoriosa sull’Hapoel Gilboa Galil Elyon per 87-70 nella quarta giornata del girone D della Fiba Europe Cup. La squadra di Caja sale a quota 6 e proverà a blindare il passaggio del turno fra una settimana, quando alla Unipol Arena sbarchera’ l’Avtodor Saratov.

TREVISO – FALCO SZOMBATHELY 68-60

—   La sfida tra le prime imbattute del girone D di BCL rispetta le aspettative: equilibrio per gran parte del match, ma alla fine la squadra meritevole di proseguire la propria striscia vincente è Treviso, che si aggiudica i due punti con il punteggio di 68-60: così i veneti possono consolidare il primato proprio all’ultima giornata del girone di andata. La serata della squadra di Menetti è impreziosita dal fatto che gli ungheresi del Falco non erano imbattuti solo in Champions, ma anche in campionato. Il primo tempo non brilla per dinamismo e spettacolo, la maggior parte degli attacchi sono tutti a metà campo e la partita da subito prende la piega di quella a basso punteggio dove ogni canestro è una conquista dal peso specifico rilevante. La squadra ungherese ha probabilmente un atletismo maggiore, ma Treviso trova un buon contributo da tutti, tra cui il rientrante Imbrò anche se per ovvie ragioni il suo minutaggio è molto contenuto. Il primo tempo si chiude sul 32-27 e nel terzo quarto Treviso prosegue sul buonissimo trend del secondo, più di una volta raggiunge il vantaggio in doppia cifra, in difesa lavora bene forzando qualche infrazione di 24’’ e una tripla di Bortolami sulla sirena firma il 55-44 dopo 30’. Al 35’ Treviso registra un 8/17 dall’arco, il Falco 2/11: è l’anticamera di un epilogo dove gli ungheresi non hanno armi per provare a ribaltare il punteggio. La vittoria è salda nelle mani di veneti e si materializza in un finale senza patemi. (Alberto Mariutto)

TREVISO Dimsa 19, Bortolani 10, Sims 8 FALCO Goloman 18, Keller 11, Perl 10

HAPPY CASA BR – DARUSSAFAKA 82-76

—   Brindisi resta al palo nella BCL dopo la terza sconfitta consecutiva rimediata in Turchia sul capo del Darussafaka, al rientro nella competizione continentale dopo la sosta forzata causata dal Covid. Il team brindisino autore di una buona gara, macchiata nel finale da poca energia e lucidità, parte subito con le idee molto chiare tanto da diventare padrona della partita con tutti i componenti del quintetto in ritmo e a segno. Al 7’ è Nick Perkins a farsi notare realizzando un canestro che vale il nuovo massimo vantaggio della serata (13-21). Sono le percentuali al tiro a sostenere l’azione della squadra pugliese, capace di viaggiare con il 50% da 3, dato supportato dai 10 assist smistati nei primi 12’ di gioco. I turchi restano in scia per poi accorciare le distanze (31-27) sfruttando il fallo antisportivo sanzionato a Clark. Özdemiroglu realizza il canestro della parità a quota 35 a 5’ dall’intervallo lungo, situazione che costringe Vitucci a parlare con i suoi. Dopo il minuto di sospensione la Happy Casa cambia faccia con un atteggiamento difensivo che le permette di tornare davanti (20’, 48-44). Nel terzo quarto, però, l’azione di Brindisi perde consistenza: al 24’la formazione turca ritrova la parità (50-50) con due liberi di McCullough, prima di passare a condurre al 29’ sul +4 (63-59) con un break di 8-2 chiuso da una tripla di Caupain.

Per Brindisi le percentuali al tiro del primo tempo sono solo un miraggio visto che tira da 3 con solo il 25 %. Le buone notizie arrivano solo nel computo degli assist (24 totali), con la doppia-doppia di Nick Perkins (18+12), insieme ai 10 punti di Adrian e Gaspardo. Sforzo che non basta per restare aggrappati agli avversari. A 1’56’’ dal termine un paio di letture superficiali di Josh Perkins permettono al Darussafaka, trascinata da Olaseni, di dilatare il vantaggio a due possessi (77-72), divario che resterà tale sino alla sirena finale. (Giuseppe Mazzone)

DARUSSAFAKA Olaseni 21, Caupain 18, Özdemiroglu 10 BRINDISI N. Perkins 18, Gaspardo, Adrian 10

HAPOEL GALIL-REGGIO EMILIA 70-87

—   Pesantissimo blitz esterno di Reggio Emilia (3-1) che supera gli israeliani dell’Hapoel Galil (0-4) nella quarta giornata di Fiba Europe Cup, mettendo una seria ipoteca sul passaggio al turno successivo. La squadra di coach Caja è più forte anche delle assenze di Cinciarini e Olisevicius, rimasti in Italia dopo la positività al Covid, ma viene trascinata dal career high di Johnson (23 punti) e da un super Crawford (19 con 7 assist e 27 di valutazione), ingrato ex della partita. Il primo quarto sorride alla Unahotels che chiude avanti (18-19) grazie alle buone iniziative di Strautins e Hopkins. A fare la differenza nella seconda frazione è invece Johnson, autore di 13 punti con 5 rimbalzi, numeri che permettono agli emiliani di tentare la fuga (36-45 al 20’). Al rientro dagli spogliatoi la reazione dell’Hapoel non si fa attendere, ma la squadra di Caja mantiene i nervi saldi e incrementa il vantaggio con Thompson a fil di sirena (55-65 al 30’). Nella volata finale i padroni di casa si rifanno sotto sfruttando i tanti tiri liberi concessi (Reggio è in bonus dopo appena 3’) e la serata no di Candi (67-73 al 37’), ma prima un super Crawford e poi Strautins, autore di una schiacciata da Nba in cui subisce anche il fallo, rimettono le cose a posto e suggellano il successo esterno. (Francesco Pioppi)

HAPOEL GALIL Harrell 14, Hanochi 12, Cornelius 11 REGGIO EMILIA Johnson 23, Crawford 19, Strautins 15

Seguono aggiornamenti

Fonte: https://www.gazzetta.it/basket-italiano/03-11-2021/risultati-champions-league-europe-cup-4202211965021.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: