Champions League: Treviso si esalta con Sims. Sassari cade in Germania

Champions League:  Treviso si esalta con Sims. Sassari cade in Germania

TREVISO-RIGA 91-85 È sudato ma vincente, l’esordio europeo di Treviso. Il VEF Riga, campione di Lettonia nelle ultime tre stagioni, è squadra solida, fisica e di qualità: pesca una serata magica nelle triple (17/31) e si lascia guidare nel primo tempo dall’ex Trieste e Brindisi Devondrick Walker, nel secondo dal folletto Jalen Riley. I lettoni approfittano del terribile secondo quarto dei veneti per andare a riposo avanti 42-52, ma la squadra trevigiana ritorna in partita con un fantastico terzo quarto, per chiuderla nell’ultimo. Per Treviso non è semplice fin dall’avvio: Walker esordisce con tre triple di fila, per l’iniziale 8-13. Serve un time-out di coach Menetti a ricordare ai suoi come si difende: trascinata da Akele, Treviso chiude il primo quarto avanti 23-22, ma non riesce a staccarsi di dosso il VEF. I lettoni restano agganciati nel punteggio per tutto il secondo parziale, e sul finire di tempo piazzano un break di 13-2, per il +10 di metà gara. Al rientro dagli spogliatoi è un’altra Treviso: tremenda in difesa, aggressiva in attacco. A rimettere il naso avanti ci mette 7’: il parziale è di 21-4 trascinato da Sims e la tripla di Russell (63-56) sembra quella del k.o. ma, sul più bello per Treviso, Riga ritrova la mano dalla lunga e riesce a chiudere il terzo quarto sempre a contatto (65-64). Il rischio è di giocarsela punto a punto, visto che al 35’ è ancora 77 pari: invece è proprio negli ultimi minuti che i veneti la chiudono, regalando ai propri tifosi la decima vittoria in undici gare ufficiali. TREVISO: Sims 18, Sokolowski e Dimsa 16, Russell 11, Jones 10 RIGA: Walker 21, Riley 17, Curry 13, Zoriks 10

LUDWIGSBURG-SASSARI 94-81 Esordio amaro in Champions per la Dinamo di coach Cavina, i sardi, perdono in Germania contro il Ludwigsburg. Decisivi i primi 20’ di partita dove il Banco sprofonda anche a -20. Prima parte di gara a favore dei padroni di casa, che mettono in luce i limiti della Dinamo che è sistematicamente in ritardo in uscita dai blocchi offensivi avversari, mentre gli esterni tedeschi con Radebaugh sugli scudi, sono una sentenza. Cavina trova note positive solo da Logan in uscita dalla panchina, ma non riesce a creare un equilibrio sui due lati del campo che permetta a Sassari di trovare continuità in attacco e in difesa: 53-36 al 20’. L’attesa reazione Dinamo arriva solo in chiusura di gara, prima Sassari sprofonda sino al -24, subendo il controllo del ritmo da parte dei tedeschi, poi nell’ultima frazione la classe di Logan e la voglia di Battle e Clemmons sembrano poter far girare il match, tanto da arrivare sino al -12 a 4’ dalla fine. Il cronometro però è un alleato prezioso per i padroni di casa e le energie scarseggiano per Sassari, così Bahere firma l’ultimo e decisivo break della gara. Ludwigsburg:Radebaugh 24, Polas Bartolo 12, Darden 13 SASSARI:Logan 21, Mekowulu 19, Clemmons 17

Fonte: https://www.gazzetta.it/basket-italiano/05-10-2021/basket-champions-league-treviso-vola-sassari-cade-4201654294761.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: